Warning: Declaration of Suffusion_MM_Walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $item, $depth = 0, $args = NULL, $id = 0) in /membri/anffasgorizia/wp-content/themes/suffusion/library/suffusion-walkers.php on line 39
Crea sito

Rassegna Stampa

 

Consulta ai link seguenti la Rassegna Stampa su “ANFFAS Onlus GORIZIA” della stampa locale:

Da Il Piccolo del 16,6.14

nel ricordo di Federico Paulin

Bello spettacolo degli utenti Anffas e del Circo dell’incirca

Ma che bravi, i ragazzi dell’Anffas di Gorizia. Assieme agli operatori del centro diurno di via Garzarolli, e soprattutto agli

straordinari artisti di Circo all’incirca hanno dato vita sabato pomeriggio ad uno spettacolo divertente ed entusiasmante, intenso e sorprendente, che ha  scatenato gli applausi del pubblico che ha riempito il teatro Bratuz di viale 20 settembre per la 5.a edizione del Festival internazionale dell’insolita normalità, l’evento organizzato ogni anno per ricordare il piccolo Federico Paulin. Ancora una volta ha funzionato dunque la bella collaborazione tra l’Anffas, la Fondazione Carigo e il Lions Club di Gorizia, promotori dell’iniziativa che ha goduto anche dell’appoggio del Cisi e del Comune.

«Grazie a tutti quelli che ancora una volta si sono spesi per questo evento, diventato una bella tradizione – ha detto Mario Brancati, presidente dell’Anffas di Gorizia -. Si tratta di un momento sempre importante per noi e per i nostri ragazzi, che se opportunamente stimolati sanno essere sorprendenti, anche sul palcoscenico». Dopo Brancati hanno portato il loro saluto anche l’assessore comunale al Welfare Silvana Romano, i rappresentanti di Fondazione Carigo e Lions Club, Marco Fonzar per il Cisi, il consigliere regionale Moretti. All’ingresso, intanto, era possibile acquistare una delle bottiglie del Vino della Solidarietà vendemmiato dall’Anffas assieme alla Cantina Produttori di Cormons, o lasciare  un’offerta libera per il Centro diurno goriziano.

Poi le luci si sono abbassate e l’attenzione è stata tutta per lo spettacolo. Ora comico, ora commovente, capace di alternare momenti di teatro classico ad altri di giochi di prestigio e di acrobazie ardite. Straordinario, in questo senso, l’apporto degli artisti di Circo all’incirca, che, come ha ricordato Lorella Pagotto (storica “mamma” dello spettacolo) quest’anno sono stati i veri artefici del festival: la regia è stata curata da DavidePerissutti, e a dare spettacolo sono stati i vari Irene Giacomello, Mattia Comisso, e Marco Floran.

Ma i ragazzi e gli operatori dell’Anffas ci hanno messo tanto del loro, con la passione, il cuore e la spontaneità che li contraddistingue, aiutati anche dai bimbi delle scuole elementari Kozara di Nova Gorica e Rismondo di Gorizia. Costumi da animali, canzoni, nasi rossi da clown. Lo show è volato, qualcuno si è commosso, tutti hanno applaudito.

Ancora una volta il Festival pensato per Federico e più in generale per la solidarietà, ha saputo emozionare.

Marco Bisiach

 

Il Piccolo – Vai

Il Messaggero Veneto – Vai